descrizione

Il METODO VISOTONIC® di ginnastica facciale è il primo in Italia e ha molte applicazioni oltre a quella estetica: si usa per la riabilitazione dell'articolazione temporomandibolare, in logopedia, e in generale nella rieducazione miofunzionale della testa e del collo.
L'acquisizione di una maggiore coordinazione della muscolatura del volto diventa uno strumento fondamentale anche in recitazione e nel public speaking. WWW.VISOTONIC.IT
SE DESIDERI ACQUISTARE GLI E-BOOK, IL LIBRO O IL DVD VISOTONIC®, VAI DIRETTAMENTE ALLA PAGINA DEDICATA DI Amazon - Macrolibrarsi - Il Giardino dei Libri

Rughe del collo e doppiomento? È soprattutto questione di postura.


Capita spesso che il collo sia segnato, anche in giovane età. Pieghe profonde, che diventano più visibili quando si è abbronzati. Pelle poco elastica, zona sotto il mento e ai lati della bocca che pende un po’. La prima cosa da fare, anche per mantenere il collo in buona salute oltre che sodo, è quella di tirarlo fuori da dove è sprofondato: nelle spalle. Quindi cessare di incassare il mento. Poi,
smettere di dormire sempre nella stessa posizione (rughe monolaterali, più evidenti al risveglio).
Poiché un collo è fatto per flettersi e per ammortizzare i movimenti della testa, tenerlo contratto non aiuta, neanche dal punto di vista estetico. 
Qui di seguito alcune istruzioni e alcuni spunti per fare uno studio su una delle parti più importanti del nostro corpo:
- Sedersi con la schiena dritta.
- Guardare dritto davanti a sé.
- Rilassare la bocca, staccare i denti
- Rilassare labbra e guance se sono contratte e aderiscono ai denti. Rilassare la lingua evitando di spingerla contro i denti.
- Immaginare che il collo sia un’asta dritta che parte da un punto situato in mezzo alle scapole.
- Raddrizzare l’asta del collo facendo partire la sensazione da in mezzo alle scapole e lasciare che il collo si allunghi verso l’alto come se fosse una molla. 
- Immaginare un filo che parte dal centro della testa e tira verso l’alto accompagnando il movimento di allungamento del collo.
E importante capire che non è il mento che deve essere portato verso l’alto ma che tutta la schiena deve allungarsi.
Per tenere questa posizione, che all’inizio può sembrare faticosa, è necessario sviluppare i muscoli che la sostengono e tra questi ci sono i lombari, gli interscapolari e gli addominali. Sono i gruppi di muscoli giusti per tenere una postura corretta del busto e del collo.
Una volta raggiunta la posizione osservare che ne è delle rughe del collo e del doppiomento: dimezzati in un secondo. Con il bonus di sembrare più aggraziati ed eleganti.

Loredana de Michelis

Nessun commento:

Posta un commento